Adozioni libri di testo 2019/20: Nota del Miur

Adozione Libri di Testo 2019 - 2020

Adozione Testi per la scuola 2019 – 2020

Il Miur ha pubblicato la nota annuale riguardante l’adozione dei libri di testo a.s. 2019/20.

Nella suddetta nota (n. 4586 del 15 marzo 2019) si rileva che l’adozione dei libri di testo per il prossimo l’anno scolastico deve avvenire seguendo le direttive fissate dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

A questo link la nota completa del Miur.

Libri di testo 2019/20: tetti di spesa

I tetti di spesa sono ridotti:

  • del 10% se nella classe considerata tutti i testi adottati sono realizzati nella versione mista, ossia cartacea e digitale, accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista di tipo b – punto 2 dell’allegato al DM n. 781/2013);
  • del 30% se nella classe considerata tutti i testi adottati sono stati realizzati nella versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale di tipo c – punto 2 dell’allegato al DM n. 781/2013).

Va precisato che il tetto di spesa può essere superato entro un limite  massimo del 10%, eventualità in cui lo sforamento deve essere motivato dal collegio dei docenti.

Libri di testo 2019 – 2020: competenza delle scuole

Ad occuparsi dell’adozione dei libri di testo, sotto vigilanza dei dirigenti, il compito spetta al collegio docenti, che dovranno:

  • rispettare i tetti di spesa indicati;
  • deliberare nel rispetto dei vincoli normativi, espressione della libertà di insegnamento e dell’autonomia professionale.

I dirigenti scolatici dovranno altresì richiedere con tempestività, ai centri specializzati, i libri di testo e i materiali didattici idonei nel caso in cui ci siano alunni non vedenti o ipovedenti.

Visione testi 2019/20

Maestri, insegnanti e professori, hanno facoltà di incontrare gli operatori editoriali scolastici accreditati dalle case editrici o dall’Associazione nazionale agenti rappresentanti promotori editoriali (ANARPE).

Riguardo la scuola primaria, il Miur reputa che sia appropriato individuare un locale dove i docenti possano consultare le proposte editoriali.

Entro settembre prossimo i promotori potranno ritirare le copie dei testi non adottati.

Adozioni libri di testo 2019/20: data limite

L’adozione dei libri di testo oppure l’eventuale scelta di strumenti alternativi, deve avvenire entro la seconda decade di maggio, per tutte le scuole di ogni ordine e grado, con comunicazione entro il 10 giugno 2019.

Divieto di modifica dei libri prima dell’avvio delle lezioni

Tenendo conto che molti studenti comprano i testi prima dell’avvio delle lezioni, non è possibile modificare, ad anno scolastico iniziato, i libri adottati.

Divieto di commercio dei libri di testo

Come previsto dall’articolo 157/1 del D.lgs. n. 297/94, è fatto divieto ai docenti, ai direttori didattici, agli ispettori tecnici ed, in genere, a tutti i funzionari preposti ai servizi dell’istruzione elementare, di esercitare il commercio dei libri di testo.

Il personale che infrange il divieto va incontro a provvedimenti disciplinari. Così leggiamo nel suddetto articolo 157/2.

Adozione libri scolastici: normative di riferimento

Il quadro normativo al quale le istituzioni scolastiche devono attenersi è il seguente:

  • Sviluppo della cultura digitale (articolo 6, comma 2 quater, legge 128 del 2013);
  • Scelta dei testi scolastici (articolo 6, comma 1, legge 128 del 2013);
  • Realizzazione diretta di materiale didattico digitale (articolo 6, comma 1, legge 128 del 2013);
  • Abolizione vincolo pluriennale di adozione (articolo 11, legge 221 del 2012);
  • Istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione (articolo 5, Decreto ministeriale 254 del 2012);
  • Testi consigliati (articolo 6, comma 2, legge 128 del 2013).


Vota l'Articolo


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle
(3 voti - media: 8,67 su 10)






Leggi Anche: