Agevolazioni Universitarie: Iscrizione Gratis per i Redditi Bassi

Nell’ultima legge di bilancio si è stabilito che, gli studenti appartenenti a nuclei familiari aventi un reddito Isee al di sotto dei 13 mila euro, potranno iscriversi gratis all’università.

Si dovrà pagare solamente la tassa per il diritto allo studio da 140 euro e il relativo bollo del costo di 16€.

Agevolazioni Tasse Universitarie

E per gli studenti in corso, nessuna imposta nemmeno per gli anni accademici successivi.

Stesso dicasi per i dottorandi che non hanno una borsa di studio.

In questo modo le famiglie otterranno un risparmio medio oscillante tra i 300 e i 500 euro annui.

Dunque con la riduzione delle tasse, aumentano le possibilità di mandare i propri figli all’università.

Ovviamente dipende anche dalla facoltà scelta; c’è da dire però che optando per le università statali diventa più facile sostenere le spese che porteranno al conseguimento della laurea.

Risparmi previsti anche per chi ha un Isee elevato ma che comunque non eccede i 30 mila euro.

Ad usufruirne saranno circa 600 mila famiglie, rassicurate anche dal fatto che, le università statali, non potranno mettere altre tasse o richiedere contributi agli studenti fino al rilascio del titolo finale di studio, ad esclusione di eventuali costi per servizi opzionali prestati su richiesta.

Avranno invece facoltà, volendo, di prevedere ulteriori agevolazioni economiche.

Occorre precisare che, per usufruire delle agevolazioni sulle tasse universitarie negli anni successivi al primo, bisogna aver maturato uno specifico numero di crediti:

  • nel caso di iscrizione al secondo anno accademico almeno 10 crediti formativi;
  • per gli anni successivi almeno 25 crediti nei dodici mesi antecedenti la data del 10 agosto precedente all’iscrizione al nuovo anno accademico.

Riguardo chi ha un Isee superiore a 13 mila euro ma inferiore ai 30 mila, l’importo massimo da pagare si attesta al 7% della quota di Isee eccedente i 13.000 euro.

Le tasse aumentano invece nel caso di iscritti fuori corso da più di un anno: possono arrivare fino al 50% della differenza Isee, con un minimo dovuto per legge, però, di 200 euro.

L’ultima novità riguarda gli iscritti ai corsi di dottorato di ricerca che non sono beneficiari di borsa di studio: esonero totale dal pagamento delle tasse e dei contributi a favore dell’università.





Leggi Anche:

Università a Numero Aperto Senza Test d’Ingresso

Indirizzi Universitari: Lista delle Facoltà

Agevolazioni Sulle Tasse e Contributi all’Università di Brescia

Aforismi Sulla Cultura