Legge sui Libri 2019: Nuovi Tetti Agli Sconti

Nuovi emendamenti potrebbero cambiare la scontistica massima applicabile ai libri, compresi quelli per la scuola.

Lo scopo è quello di favorire la lettura per sviluppare della conoscenza e promuovere il progresso civile, sociale ed economico della Nazione, la formazione e il benessere dei cittadini.

Nuova normativa libri e testi scolastici

Nuova normativa libri e testi scolastici

Cambieranno gli sconti sui libri, inclusi i testi adottati dalle scuole.

La legge sul libro libro 2019 potrebbe essere votata la prossima settimana ed arrivare in Aula entro metà luglio.

Legge sul libro: cos’è

Si tratta di 13 articoli che in teoria dovrebbero sostenere le librerie fisiche ritenute penalizzate dalle catene e dalle piattaforme come Amazon.

La proposta è frutto di diverse mozioni targate Pd, Lega, M5S, Fdi e Forza Italia.

Il disegno di legge si prefigge di ridurre dal 15% al 5% il limite massimo di sconto applicabile a un libro, anche venduto via internet o per posta.

Per fortuna nulla cambia riguardo i libri scolastici per i quali resta il tetto del 15%, che comunque nessuna libreria è in grado di applicare, salvo acquistare i libri scolastici su amazon.

Sconti annuali sui libri

Poi per un mese l’anno, in periodi stabiliti dal ministro dei Beni culturali, le case editrici potranno offrire uno sconto aggiuntivo sul prezzo di vendita dei libri che potrà arrivare 20%.

Da questo abbassamento di prezzi sono esclusi però i titoli pubblicati nei sei mesi precedenti.

Albo a sostegno delle librerie

Sarà istituito inoltre un apposito Albo delle librerie di qualità al quale potranno accedere quelle che esercitano prevalentemente l’attività di vendita al dettaglio di libri in locali accessibili al pubblico.

Dovranno inoltre assicurare un servizio innovativo e caratterizzato da continuità, diversificazione dell’offerta libraria e realizzazione di iniziative di promozione culturale nel territorio.

Ulteriori requisiti saranno fissati attraverso un decreto ministeriale.

Card cultura

A favore di soggetti svantaggiati e contro la povertà educativa, sarà istituita una carta elettronica per le librerie, alimentata da un fondo da un milione di euro innalzato poi a 5 milioni, e rilasciata a decorrere dal 2020 secondo criteri che saranno stabiliti successivamente.

Servirà per acquistare libri e altri prodotti e servizi culturali, dai musei ai teatri.

Anche le aziende potranno alimentare il fondo destinando una percentuale del proprio fatturato, si pensa all’1%, per sposare la causa, in cambio di un logo che il Mibact riconoscerà alle imprese.

Promozione della lettura

Si pensa anche ad un piano nazionale per la promozione della lettura con stanziamenti entro i 3,5 milioni di euro l’anno.

Inoltre ogni anno sarà scelta una città che sarà deputata ad essere Capitale italiana del libro , ricevendo finanziamenti per l’esecuzione del progetto.

In conclusione, tutte le suddette normative e iniziative sono finalizzate ad incoraggiare i giovani alla lettura.

Riguardo gli sconti sui testi per la scuola niente di nuovo all’orizzonte, anche se in corso d’opera la legge potrebbe essere sicuramente modificata prima di entrare in vigore.

Per non rischiare di perdere lo sconto del 15%, è consigliabile provvedere il prima possibile all’acquisto dei libri scolastici.

Clicca qui e comprali subito in offerta su Amazon







Leggi Anche: