Archivi autore: Team Studiare Risparmiando

Libri Scolastici: Risparmio Online

In questo periodo, la spesa per i libri scolastici, rappresenta l’incombenza più sentita dalle famiglie con figli studenti.

Una vero e proprio salasso che, insieme  al corredo scolastico, in molti casi sfiora la soglia dei mille euro per ogni figlio.

Libri Scolastici: Risparmio Online

Risparmiare su internet comprando i libri per la scuola

Ciò a causa del continuo rincaro dei libri di testo, a torto o a ragione giustificato dall’aumento del prezzo della carta verificatosi negli ultimi anni.

Ed anche se le disposizioni del Miur cercano di trovare il modo di calmierare i prezzi come ad esempio con il blocco delle adozioni, la spesa per l’acquisto dei libri scolastici continua ad essere ingente per molti nuclei familiari, in questo periodo in cui la situazione economica non è proprio rosea in Italia.

Rincaro dei libri scolastici

Anche per l’anno scolastico 2019/2020 si riscontrano aumenti dei prezzi di copertina dei libri di testo.

Nelle scuole medie è stata registrata una spesa di circa 286 euro per la prima classe della scuola media inferiore, 111 euro per la seconda e 127 euro per la terza.

Per le scuole superiori, invece, il livello di spesa dipende dall’indirizzo: se liceale, tecnico o professionale.

Indicativamente oscilla dai 240 fino ai 320 euro nel primo anno, per crescere dai 310 ai 370 euro nel terzo anno per ogni studente.

Se poi si aggiungono ai libri anche le spese relative al corredo scolastico, la stangata è ancora maggiore tra zaini, astucci, agende, dizionari e quant’altro riguarda il materiale didattico.

Libri di scuola e opportunità di risparmio

Se i tuoi figli frequentano le scuole elementari il problema non si pone visto che i libri per la primaria sono forniti gratuitamente dal Comune di residenza.

Riguardo le scuole medie invece, se la tua famiglia ha un Isee ridotto, puoi usufruire del buono libri.

In caso contrario l’unica soluzione per risparmiare sui libri scolastici è quella di comprarli online.

Infatti le librerie non hanno modo di effettuare sconti, cosa invece possibile per i supermercati, anche se di fatto non si tratta di vere e proprie riduzioni sul prezzo di copertina, bensì di buoni spendibili in acquisti successivi, sempre nel punto vendita in cui si prenotano i testi, e validi solo su alcuni prodotti.

In realtà si potrebbero anche comprare i libri usati per risparmiare; c’è da considerare però che a fronte di risparmi che possono arrivare anche al 50%, l’altra facciata della medaglia consiste nel ritrovarsi con testi di seconda mano mal conservati, pieni di sottolineature e con esercizi e schede già compilati.

Risparmio online sui libri scolastici

Se nessuna delle soluzioni precedentemente indicate fa al caso tuo, l’unica alternativa possibile e realmente valida per risparmiare comprando i testi scolastici su internet è rappresentata da amazon 15 e lode.

Sul noto e-commerce puoi ottenere uno sconto reale del 15% su tutti i libri per le scuole di ogni ordine e grado, puoi ordinarli con pochi click e riceverli comodamente a casa tua nel giro di qualche giorno senza nemmeno pagare le spese di spedizione.

In più, se dopo l’acquisto ti rendi conto che qualche libro non ti serve, puoi sempre restituirlo senza problemi e senza muoverti da casa.

In poche parole trovi gli stessi libri di testo acquistati finora in libreria ma a prezzi più bassi.

E non è un caso infatti se ogni anno sono sempre di più le famiglie che, per risparmiare sui libri scolastici, li comprano online su Amazon, avendo la certezza di spendere meno senza neanche muoversi da casa.

Pochi minuti, qualche click del mouse e il risparmio è assicurato.

Risparmiare sui Libri Scolastici: Come Fare

Genitori e figli che frequentano la scuola o l’università ogni anno si chiedono come risparmiare sui libri scolastici.

Il dubbio principale riguarda l’acquisto di libri di testo nuovi o usati che effettivamente permettono di spendere meno.

In questo caso però bisogna tener presente che quasi sempre si avrà a che fare con testi pieni di sottolineature, esercizi e questionari già compilati, sussidi tenuti male.

Quindi se si ha la fortuna di trovare volumi in perfetto stato di conservazione può anche valerne la pena, in caso contrario l’unica alternativa possibile è quella di comprare i libri di testo nuovi.

Per ridurre le spese ci si può rivolgere anche ai supermercati visto che la maggior parte dei punti vendita della GDO ogni anno propone offerte sui libri scolastici scontati.

Solo che quasi sempre queste offerte non consentono un vero risparmio, per il semplice fatto che i libri si pagano a prezzo pieno, mentre invece lo sconto ottenuto è equivalente ad un buono spendibile successivamente.

Esiste però un’alternativa valida, rappresentata da Amazon 15 e lode, ovvero, libri con sconto del 15% ordinati online e ricevuti direttamente a casa propria senza nemmeno pagare le spese di spedizione.

Libri scolastici online scontati: come risparmiare

Dunque un modo efficace per risparmiare sull’acquisto dei libri scolastici per le elementari, le medie, le classi superiori e anche l’università è quello di affidarsi al web.

Su Amazon infatti una volta scelta la regione, la provincia e l’istituto di appartenenza, avrai a disposizione l’elenco di libri di testo completo tra cui scegliere, senza nemmeno bisogno della lista.

Non a caso ogni anno sono in costante aumento le famiglie e gli studenti che si affidano all’ecommerce più grande del web non solo per comprare i libri ma anche tutte le altre dotazioni scolastiche come zaini, agende, astucci e tutto ciò che serve per studiare.

Anche perchè c’è la possibilità di usufruire del reso gratuito e della garanzia di Amazon da poter sfruttare per qualsiasi tipo di inconveniente.

Senza scordare l’impareggiabile comodità di fare tutto da casa senza andare in libreria o in negozio per sapere se i volumi ordinati sono arrivati oppure no.

Studiare in Vacanza: Raccomandazioni del Ministro Bussetti

Meno compiti Estivi

Meno compiti Estivi

L’attuale Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, per la gioia degli studenti tutti, raccomanda ai docenti un maggior senso della misura nell’assegnare compiti per le vacanze estive.

Vale a dire che studiare in estate va bene, ma con la giusta moderazione.

Affermazioni fatte in occasione della visita alla scuola media Nuccia Casula di Jerago nel Gallaratese, in provincia di Milano, per l’ultimo giorno di scuola.

Dunque niente di nuovo rispetto ai suggerimenti fatti dai suoi predecessori che in passato avevano già rilasciato dichiarazioni simili.

Negli ultimi anni infatti predomina sempre più l’orientamento nel consigliare di non caricare troppo bambini e ragazzi di compiti durante le vacanze estive.

Il pediatra Italo Farnetani, docente alla Libera Università degli studi di Scienze umane e tecnologiche di Malta, pensa che le scuole chiudono non per mandare in ferie gli insegnanti, ma far riposare gli alunni.

In un’intervista rilasciata all’AdnKronos ha affermato che per il benessere degli studenti è necessario permettere loro di staccarsi completamente dallo stress legato all’apprendimento e ricaricare le batterie.

La sua idea è che non c’è rischio per gli alunni di scordare le nozioni acquisite perché le cose apprese da piccoli sono quelle più durature.

Tutto sommato si tratta sempre di vacanze ed è bene che gli studenti, oltre al tempo libero dedicato allo svago, occupino il loro tempo anche con altri istruttivi come ad esempio, campi scuola, lavoretti, attività di volontariato, arte e sport.

Svariate esperienze che sono tutte contraddistinte dal medesimo obiettivo: crescere e maturare interiormente.

Dunque porte aperte ai compiti ma senza eccessi, giusto per mantenersi allenati e ripassare quei punti del programma ancora lacunosi.

Ma se è vero che lo studente deve esplicitare le sue capacità autonome di mettere a frutto quanto imparato a scuola, dal canto suo il docente deve anche insegnare all’allievo ad essere indipendente nel ragionamento, al di là dei meri esercizi.

Provare, esercitarsi, memorizzare e automatizzare le nozioni sentite ed imparate a scuola è importante, quanto lo è ragionare in astratto ed in concreto per comprendere le proprie insicurezze e riprendere in classe gli argomenti proposti.

E in attesa che la scienza fornisca una risposta univoca in merito, i compiti delle vacanze restano un baluardo che arriva dall’esperienza degli insegnanti, che è ben diversa a seconda della scuola e della classe frequentata.

Intanto anche i pediatri si schierano contro gli eccessivi compiti delle vacanze, periodo in cui sarebbe più istruttivo, a parer loro, trascorrere più tempo  con la famiglia e gli amici.

Libri per le Vacanze e Compiti Estivi: Favorevoli e Contrari

Libri e compiti per le vacanze

Libri e compiti per le vacanze

Finita la scuola, ogni anno sorge il solito dilemma sui libri per le vacanze.

Alcuni affermano che in estate il cervello dovrebbe ristorarsi, mentre altri sono concordi nel dire che, tre mesi senza studiare, possano far dimenticare gran parte delle nozioni apprese nel corso dell’anno scolastico appena trascorso.

A tal proposito ci alcuni aspetti da considerare, che porrebbero la questione a metà strada tra i due diversi punti di vista.

Contro i compiti per le vacanze

Secondo il pensiero di Maurizio Parodi, dirigente scolastico e autore del libro Basta compiti!, sopratutto i bambini, in estate hanno diritto al riposo, al gioco e al tempo libero negato a causa di impegni domestici sempre più soverchianti, fin dai primi anni di scuola.

Questa posizione è confermata da numerose ricerche statistiche reperibili online, dai quali si evince che gli studenti italiani, pur dedicando allo studio il doppio delle ore se paragonati agli alunni delle altre nazioni europee, si piazzano solo al 34° posto nella classifica mondiale dell’alfabetizzazione.

Per non parlare dei cosiddetti analfabeti funzionali o low skilled, ovvero soggetti non in grado di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana, che in Italia sono più del 47% della popolazione.

Dovrebbe far riflettere anche un altro aspetto: le migliori scuole del mondo non danno nemmeno compiti a casa durante l’anno scolastico, figuriamoci per le vacanze.

D’altro canto basta consultare i dati Invalsi per rendersi conto che gli studenti che ricevono per casa una dose minima di compiti sono più preparati rispetto  agli scolari che invece hanno un carico maggiore di competenze da elaborare.

Dunque gli alunni più tartassati mostrano performance meno brillanti.

Qualcuno addirittura afferma che se gli insegnanti volessero davvero correggere tutti i compiti assegnati per le vacanze, probabilmente non avrebbero nemmeno il tempo di svolgere il programma.

Pro compiti per le vacanze

Di parere favorevole ai compiti estivi molti docenti ma anche genitori oltre che psicologi, che  li ritengono non solo utili ma addirittura necessari per non perdere l’allenamento allo studio nei tre mesi di vuoto scolastico.

Tra l’altro, se si considera che al giorno d’oggi i ragazzi trascorrono parecchio tempo con lo smartphone in mano o al computer, occuparli facendogli leggere un buon libro per le vacanze sarebbe sicuramente più istruttivo.

Pertanto la lettura rappresenta la soluzione migliore per scolari e studenti durante l’estate.

A patto ovviamente di scegliere letture idonee e adeguate al grado di istruzione del singolo allievo.

Dunque consigliati ad alunni, scolari e liceali, testi che contribuiscano a rafforzare la conoscenza di quelle materie in cui sono più carenti, così come letture che aiutino a pensare, riflettere e sviluppare le singole potenzialità.

Per scolari delle primarie e delle elementari  va bene qualsiasi scelta a patto che si tratti di sussidi che stimolino la fantasia e la creatività.

Cipì

EUR 9,35

clicca qui per saperne di più

I compiti vanno in vacanza. Il disfa-libro per la primaria. Classe prima

EUR 8,50

clicca qui per saperne di più

Vacanze scacciapensieri. Competenze in estate. Per la Scuola elementare: 3

EUR 8,00

clicca qui per saperne di più

Per alunni delle medie che affrontano il percorso di trasformazione da bambini a ragazzi è meglio optare per libri che narrano storie di adolescenti, temi come amicizia e amore, ma anche bullismo e integrazione.

Camminare correre volare

EUR 9,77

clicca qui per saperne di più

Il grande libro delle vacanze. Per la Scuola media: 1

EUR 10,90

clicca qui per saperne di più

Il grande libro delle vacanze. Per la Scuola media: 2

EUR 10,90

clicca qui per saperne di più

Ovviamente senza trascurare letture inerenti le materie che si dovrebbero imparare meglio o approfondire: matematica, italiano, storia, ecc.

 

Andiamo alle superiori. Con espansione online. Per la Scuola media

EUR 9,00

clicca qui per saperne di più

Anche per le scuole superiori molto apprezzate letture poco impegnative ma che al tempo stesso si dimostrino efficaci per l’alunno che voglia iniziare a formare il proprio gusto personale.

Ecoverano. Eserciziario per il recupero, il rinforzo e il ripasso estivo. Per le Scuole superiori. Con espansione online: 1

EUR 11,00

clicca qui per saperne di più

Il signore delle mosche. Oscar moderni

EUR 11,05

clicca qui per saperne di più

In fin dei conti, che si tratti di bambini, adolescenti o ragazzi, ed a prescindere che tu sia favorevole o contrario ai compiti per le vacanze, una buona lettura è senza dubbio il giusto compromesso per le vacanze degli allievi delle scuole elementari, medie e superiori.

Nuovi Test d’Ingresso all’Università 2019: Come Prepararsi

Test d'Ingresso all'Università

Test d’Ingresso all’Università

Escluse le facoltà senza test d’ingresso, per studiare in alcuni atenei, occorre superare una sorta di prova che regola l’accesso alle università a numero chiuso.

In alcuni casi poi l’ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato nazionale è gestita direttamente dal Miur.

Si tratta delle facoltà di Medicina, Veterinaria, Professioni Sanitarie e Architettura.

Rispetto al passato però, sono stati apportati alcuni cambiamenti che dovrebbero avere un migliore impatto sulla preparazione dei candidati.

Sono aumentate infatti le domande di cultura generale, coerentemente con gli studi dell’ultimo anno di scuola secondaria, mentre sono stati dimezzati i quesiti di logica.

I posti disponibili per le facoltà ad accesso programmato nazionale vengono stabiliti annualmente con apposito decreto e assegnati ai candidati tramite una graduatoria, unica e nazionale, per ogni corso di laurea.

La pubblicazione della graduatoria avviene il 1° ottobre.

I singoli atenei hanno facoltà di predisporre corsi per la preparazione ai test di medicina e chirurgia, odontoiatria e protesi dentaria, medicina veterinaria e architettura.

Cultura generale per i test di ammissione 2019: cosa studiare

Secondo le direttive del Miur, nei test di ingresso 2019 a Medicina e Odontoiatria, Veterinaria, Architettura, Professioni Sanitarie, i quesiti di logica vengono ridotti, passando da 20 a 10, mentre quelli di cultura generale passano da 2 a 12 e riguarderanno storia, letteratura italiana e straniera, attualità.

Appare evidente che per superare le prove con successo, la cultura generale inciderà maggiormente in quanto, può far ottenere ben il 20% del punteggio complessivo pari a 18 punti su 90.

Argomenti culturali indicati dal Miur

Gli argomenti designati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca vertono all’accertamento delle capacità di usare correttamente la lingua italiana in diversi contesti e scopi.

Hanno inoltre lo scopo di percepire la capacità di completare logicamente un ragionamento, in modo coerente con le premesse, che vengono enunciate in forma simbolica o verbale attraverso quesiti a scelta multipla formulati anche con brevi proposizioni, scartando le conclusioni errate, arbitrarie o meno probabili.

Ci saranno quesiti su testi di saggistica scientifica o narrativa di autori classici o contemporanei, oppure su testi di attualità, quotidiani, riviste generalistiche o specialistiche.

Riguarderanno casi o problemi, anche di natura astratta, la cui soluzione richiede l’adozione di forme diverse di ragionamento logico.

Inoltre si dovrà trovare soluzione a quesiti relativi alle conoscenze di cultura generale su tematiche affrontate nel corso degli studi o presenti nel discorso pubblico contemporaneo, a completamento dell’ambito valutativo.

Per l’ambito storico, i quesiti possono riguardare, tra l’altro, gli aspetti caratterizzanti la storia del Novecento ed il mondo attuale.

Per l’ambito sociale ed istituzionale, in coerenza con le indicazioni nazionali e le linee guida e in relazione alle attività che vengono svolte per “Cittadinanza e Costituzione”, i quesiti possono riguardare, tra l’altro, la Carta costituzionale, la comunicazione e i mezzi di comunicazione di massa, l’organizzazione dell’economia e della vita politica; le diverse forme di Stato e di governo.

Test ingresso 2019: come prepararsi

Per prepararsi ai test d’ingresso si può studiare nei mesi estivi successivi alla maturità, o addirittura anticipare al quinto anno di scuola superiore, sopratutto se si scelgono corsi sovraffollati, come Medicina o Veterinaria.

Per avere maggiori chance risulta indispensabile possedere una solida base di cultura generale, acquisita durante gli studi superiori ma arricchita inoltre dalla lettura di libri o giornali.

La valutazione delle prove attribuisce al massimo 90 punti ad ogni candidato, tenendo conto dei seguenti criteri: 1,5 punti per ogni risposta esatta; -0,4 punti per ogni risposta errata; 0 per ogni risposta omessa.

Il tempo a disposizione dei candidati è stabilito in 100 minuti.

Come prendere parte ai test di ingresso 2019

Per partecipare alle prove di ammissione è necessario iscriversi, scegliendo la sede in cui sostenerla e gli altri atenei per i quali candidarsi, in ordine di preferenza.

Le iscrizioni alle prove per l’accesso programmato potranno essere effettuate on line dal 17 giugno fino alle ore 15.00 del 9 luglio 2019, attraverso il portale ministeriale www.universitaly.it.

La tassa di iscrizione al test,  il cui importo viene stabilito insindacabilmente da ogni singola università, va pagata entro e non oltre il termine ultimo indicato.

A disposizione dei candidati ci sarà anche un test psico-attitudinale, messo a disposizione dal Ministero, che potrà essere effettuato su base volontaria.

Libri Scolastici Lista

Libri scolastici lista

Libri scolastici lista

La lista dei libri scolastici altro non è che l’elenco dei testi adottati e di quelli consigliati, che serviranno ad ogni studente per esercitarsi e apprendere durante l’anno di scuola frequentato.

L’adozione dei libri di testo, ovvero Il catalogo dei libri per la scuola viene scelto ad opera del collegio dei docenti, dietro supervisione dei dirigenti di ogni istituto scolastico.

Lista libri scolastici dove si trova

Indispensabile per procedere con l’acquisto, può essere acquisito dagli studenti o dalle loro famiglie sul sito internet di ogni istituto scolastico frequentato.

Elenco libri scolastici: quando non serve

Se i testi si acquistano presso le cartolerie o le librerie locali, non serve nemmeno averla la lista dei libri.

Infatti basta comunicare al negoziante la scuola e la classe frequentata e lui saprà già quali sono le dotazioni librarie da comprare.

La stessa cosa vale se i libri si acquistano nuovi online, ad esempio su amazon libri scolastici.

In tal caso la selezione è ancora più semplice:

  1. si sceglie la regione, la provincia o il Comune in cui è situata la scuola;
  2. poi si clicca sulla classe frequentata;
  3. automaticamente tutti i libri scolastici presenti nella lista risulteranno già selezionati e disponibili nel carrello per essere comprati.

Catalogo libri di scuola: quando serve

Se per risparmiare vuoi comprare i i testi usati, in questo caso hai bisogno dell’elenco dei libri scolastici perchè per ogni tomo, oltre a verificare che sia in buono stato, dovrai controllare il titolo e l’ISBN.

Quest’ultimo dato, International Standard Book Number, identifica univocamente una edizione di un determinato editore.

L’ISBN è formato da un codice di 13 cifre, suddivise in 5 parti dai trattini di divisione.

In conclusione, la lista dei libri scolastici seppur talvolta necessaria, non sempre è indispensabile per conoscere l’elenco dei testi da utilizzare.

Ma qualora ce ne fosse bisogno, il modo più rapido per acquisirla è quello di visitare il sito della scuola.

E per chi non avesse ancora internet, basta recarsi in segreteria per farsi dare il catalogo.

Libri Scolastici Online: Informazioni Utili

Libri Scolastici Online

Libri Scolastici Online

Ogni anno sempre più persone comprano i libri scolastici online. E non è solo un fattore di comodità, ma anche e sopratutto di risparmio.

Non ne sei ancora convinto? Continua a leggere l’articolo e scopri perchè vale la pena acquistare le dotazioni librarie su internet.

Il processo è facile e alla portata di tutti, sia col computer che col tablet ma anche con lo smartphone, si spende molto meno rispetto alle tradizionali librerie ed inoltre tutti i testi acquistati, è possibile riceverli comodamente a casa propria nel giro di qualche giorno.

E se si sceglie l’e-commerce giusto non si pagano nemmeno le spese di spedizione.

Ovviamente occorre precisare che oltre a tanti pro, ci sono anche dei piccoli contro riguardo l’acquisto di libri sul web.

Si tratta comunque di piccoli svantaggi che, una volta conosciuti, è facile evitare.

Piccola premessa: una volta acquisita la lista dei libri adottati dalla classe che dovrai frequentare tu o tuo figlio, se vuoi risparmiare davvero non puoi fare a meno di visitare i mercatini dei libri usati organizzati praticamente ovunque in tutta Italia.

Libri scolastici online sconto

Se hai deciso di comprare i libri di testo per la scuola su internet, sappi che puoi risparmiare:

  • fino al 50% sul prezzo di copertina riguardo i libri usati;
  • fino al 25% sul prezzo di copertina se compri i libri nuovi.

Libri scolastici online usati

Come accennato, oltre che nei mercatini, i libri scolastici usati puoi trovarli anche sul web.

Ci sono infatti diversi siti internet che permettono di comprare i testi per la scuola di ogni ordine e grado, di seconda mano.

Solo per citarne alcuni tra i tanti: bancolibri, metalibri, libroscambio.

Ovviamente sarà molto difficile reperire tutti i testi che ti occorrono.

Per quelli che non riesci a trovare, ci sono comunque altri modi per comprarli nuovi a prezzo scontato.

Libri scolastici dei supermercati online

D’altronde, se sei atterrato in questa pagina, vuol dire che anche tu sei tra le migliaia di persone a caccia di libri scolastici scontati e quasi certamente, avrai già visto o sentito parlare di numerose offerte dei supermercati per comprare i libri con sconti che possono arrivare addirittura fino al 25%.

Proposte allettanti, non c’è dubbio, ma si tratterà veramente di sconti reali?

La risposta in breve è negativa, visto che, nella maggior parte dei casi, il costo dei libri di fatto è sempre pieno, ovvero quello di copertina, salvo poi ricevere un buono sconto spendibile successivamente e solo su determinati prodotti.

A tal proposito solo un ultimo piccolo appunto: anche qualora trovassi conveniente per te la scelta del supermercato, sappi che quasi nessuna GDO può garantirti che i libri ordinati arriveranno davvero nel periodo prestabilito, senza contare che, nel malaugurato caso in cui dovessi sbagliare qualche titolo, i libri acquistati non potrai renderli indietro.

Dunque sta a te valutare.

Libri scolastici online scontati

Arrivati a questo punto ti starai chiedendo quale sia allora la soluzione migliore per risparmiare davvero comprando libri scolastici online.

Quello che possiamo dire con cognizione di causa, visto che ogni anno sono sempre di più le persone che approfittano di questa opportunità con grande soddisfazione, è quella di fare i tuoi acquisti sul più grande negozio del web a livello mondiale che ha un’apposita sezione dedicata proprio agfli studenti di ogni ordine e grado.

Nello specifico, stiamo parlando di Amazon libri scolastici. Vuoi sapere perchè conviene davvero? Eccone spiegati i punti di forza:

su tutti i testi per le classi di ogni ordine e grado viene applicato uno sconto reale del 15% sul prezzo di copertina;

  • non hai bisogno della lista dei libri perchè l’archivio tiene già in memoria l’elenco completo e verificato dei adottati da tutte le scuole italiane;
  • fai tutto comodamente da casa in pochi minuti;
  • i libri li ricevi all’indirizzo specificato nel giro di qualche giorno dal momento dell’ordine;
  • le spese di spedizione sono gratuite;
  • se sbagli ad ordinare qualche libro, puoi sempre restituirlo entro 30 giorni e ricevere il rimborso immediato dei soldi spesi;
  • se non vuoi effettuare acquisti con la carta di credito o magari non hai nemmeno la prepagata, puoi sempre comprare un buono dell’importo da spendere anche in tabaccheria.

Libri scolastici online gratis

C’è anche la possibilità di reperire sul web i libri di testo gratuiti. Si tratta però di volumi digitali per studiare reperibili a costo zero, il cui utilizzo è di supporto all’apprendimento, in attesa che l’uso esclusivo degli ebook diventi la regola piuttosto che l’eccezione.

Ora che sai dove è meglio comprare i libri scolastici online per pagarli realmente poco, devi solo pazientare ancora qualche giorno perchè per l’anno scolastico in corso, ovvero 2019 2020, i libri scolastici scontati Amazon non sono ancora disponibili.